La biografia di Giorgia: quando i sogni diventano realtà

Giorgia è nata nell’estate del 2003, a Como, nell’ospedale S. Anna. Fin da piccola è sempre stata una bambina vivace, con una grande passione, la danza.

All’età di tre anni ha iniziato l’asilo nel suo paese, Lurago Marinone (CO): i tre anni di scuola materna sono trascorsi in tranquillità.

Con l’inizio della scuola elementare la madre l’ha iscritta ad un corso di danza classica, ma a Giorgia non piaceva, così,  l’anno dopo, non ci andò più. Durante il primo anno delle elementari il comportamento di Giorgia era stato turbolento e vivace, tanto che la madre era disperata: nella pagella di fine anno, in condotta, aveva sei.

Gli altri anni della primaria andarono via lisci per quanto riguardava il rendimento scolastico: invece, rispetto al rapporto con i compagni, la questione era un po’ più complicata.

bullismo tra bambini

bullismo tra bambini (fonte foto: Sitter-Italia)

Giorgia non stava simpatica ai compagni, che spesso la prendevano in giro.

Finite le elementari, cominciarono le medie: la prima media andò molto bene, legò con i compagni, con i professori, anche il rendimento scolastico non era male. La seconda e la terza volarono e, seppur con qualche sforzo, Giorgia riuscì a superare gli esami.

Dopo aver lasciato a sei anni la danza classica, Giorgia si era iscritta in un’altra scuola di danza, nella quale aveva continuato a studiare per tutti gli anni delle elementari e delle medie: quello della terza media, fu un anno abbastanza importate, perché Giorgia raccontò alla sua insegnante quanto fosse grande la sua passione per la danza, infatti il suo sogno era andare ad Amici, e così lei la aiutò.

Intanto, come scuola superiore scelse un istituto di grafica e comunicazione di Tradate (VA), insieme alla sua migliore amica delle medie.

Il suo percorso alle superiori terminò alla fine del terzo anno, perché finalmente, dopo tanti anni di allenamento, era stata ammessa al casting di Amici.

Amici

Amici (fonte foto: UrbanPost)

Di quel periodo ricorda la fatica, il continuo allenamento, e la gioia e l’emozione di arrivare seconda al programma che era stato il sogno della sua vita.

Dopo quella vittoria la sua vita cambiò radicalmente: si trovò a lavorare con tanti ballerini e ballerine famose, ballò in tanti musical.

A venticinque anni, sul lavoro, conobbe un ragazzo molto carino e simpatico col quale andò poi a convivere.

La sua vita oramai ruotava intorno alla danza ed era proprio quello che voleva, era davvero felice: sia per il lavoro, sia per il suo ragazzo.

Ad un certo punto decise di aprire una scuola di danza e fino ai cinquantacinque anni insegnò lì.

Dopo i sessanta anni continuò a lavorare nella scuola aiutando le ragazze più giovani che iniziavano a fare le insegnanti.

etoile

etoile (fonte foto: NonSoloCinema)

In questi anni il suo compagno morì per un tumore al pancreas. Nonostante la perdita andò avanti per la sua strada, fin quando nel 2089 venne chiamata per presentare un suo spettacolo, e su quel palco, dove era cominciata la sua vita,  le venne un infarto e morì.

La vita di Giorgia era stata molto movimentata, piena di sogni, speranze e felicità: con tutte le sue forze era riuscita a realizzare tutti i suoi sogni e a morire dove si sentiva a casa, sul palcoscenico di un teatro.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ten + thirteen =