Primi passi in III C: cronaca di una lezione

Il 3 dicembre 2016 si è svolta la prima lezione del progetto di Giornalismoascuola.it nella classe III C. Anche questa lezione si è tenuta nel corso di due ore, dalle 11.00 alle 13.00.

Stavolta, al mio arrivo, i ragazzi erano già seduti in classe, così mi sono presentata e ho spiegato loro perché ero lì.

Quindi ho illustrato il progetto e ho fatto vedere loro il blog su cui lavoreremo, cioè il sito www.giornalismoascuola.it. Anche i ragazzi di III C mi hanno posto delle domande: sono sembrati molto curiosi e interessati, hanno proposto molti argomenti per eventuali articoli del blog, ma ho dovuto più volte richiamare la loro attenzione perché, pur parlando di questioni inerenti al progetto, si sono messi a chiacchierare tra loro.

Fonte foto: BitMat.it

Fonte foto: BitMat.it

DATI TEST SULL’UTILIZZO DI INTERNET – Anche agli alunni di III C ho distrubuito un test da compilare, che riguardava l’utilizzo di Internet e dei social network: dalle risposte di questi ragazzi sono emersi alcuni dati interessanti.

In primo luogo anche tra di loro, che sono ventuno, pochissimi sono iscritti a Facebook. Ennesima conferma che gli adolescenti non usano – o usano poco – Facebook.

Anche loro preferiscono social come Instagram e Musical.ly, l’app che permette di condividere video mimando le canzoni più famose, che è diventata una vera e propria comunità musicale, di cui fanno parte anche molti cantanti e gruppi amati dai teen.

Molto usato anche YouTube per guardare e scaricare video; mentre per chattare, anche in questo caso, Whatsapp batte tutti.

Tutti pubblicano foto e/o video su Internet o lo sanno fare, anche se non li pubblicano.

Il dato più interessante che è emerso da questa breve indagine è che i ragazzi affermano di avere avuto esperienze negative online: si attestano su una o due volte per ciascun alunno – con una media del 30% sul totale dei ragazzi -, ma sono significative.

Tuttavia bisogna tenere in considerazione che, sul test, non era specificata alcuna esperienza negativa esplicita, per cui i ragazzi hanno senz’altro potuto intendere come esperienza negativa anche un loro malessere nel chattare con un amico, come l’avere litigato.

Fonte foto: Amazon.com

Fonte foto: Amazon.com

In media passano online da 1 a 2 ore al giorno, solo pochi hanno detto di usare Internet anche per tre o più ore al giorno.

Tutti i ragazzi usano Internet per giocare online, ascoltare musica, cercare e vedere video, chattare, usare i social e scaricare musica. Pochissimi usano la Rete anche per effettuare ricerche scolastiche e avere informazioni riguardo attualità, curiosità, sport, ecc.

Una delle domande del test riguardava le emozioni che i ragazzi provano mentre stanno online: la maggior parte di loro ha detto di sentirsi felice, di divertirsi, di essere curioso nel leggere i post o vedere le foto e i video degli altri coetanei; ma qualcuno ha detto anche di percepire una gran solitudine, pensando a quanto sarebbe bello se tutti i contatti online fossero amici reali.

Dal test, infatti, emerge che più di ¼ dei contatti di ciascun ragazzo non sono amici o conoscenti, ma estranei.

Infine, qualcuno ha detto di sentirsi libero mentre naviga in rete.

Fonte foto: Iconion.com

Fonte foto: Iconion.com

CHE COS’É INTERNET? – Dopo il test, anche gli studenti di III C hanno fatto il gioco del gomitolo per comprendere che cosa sia una rete Internet e, successivamente, quello della mail scomposta che viaggia su quella rete e che, attraverso determinati, deve raggiungere un destinatario partendo da un mittente. Hanno così imparato che cos’è la larghezza di banda.

Abbiamo poi proseguito con la descrizione dei protocolli TCP e IP, a cui è seguita una breve storia di Internet e della storia del www, il World Wide Web.

Alla fine della lezione hanno svolto un breve test per accertarmi che avessero compreso i concetti base. La maggioranza della classe ha appreso tutti i concetti imparati a lezione.

ELEZIONE DEL DIRETTORE E DEL VICEDIRETTORE – Nel tempo che ci è rimasto, infine, abbiamo eletto il direttore del blog, Lo Cicero Sofia, e il vicedirettore, Omar Saibene, ai quali spetta il compito di redigere una lettera di presentazione e di benvenuto all’intera redazione per la prossima lezione, che si svolgerà il 10 dicembre.

Mentre il resto della classe dovrà studiare com’è fatta la struttura di una redazione e indicare quale ruolo vorrebbe ricoprire: redattore, correttore di bozze, intervistatore, fotografo, videomaker, ecc.

Così si è chiuso il primo incontro del progetto di giornalismo digitale nella classe III C: ci siamo anche fatti un selfie che, però, non si può ancora pubblicare perché mancano alcuni consensi.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 × two =