Stop alla violenza sulle donne: il Femminicidio raccontato da un’adolescente

femminicidio

Femminicidio, stop alla violenza sulle donne

Il femminicidio è un termine che tristemente e prepotentemente è entrato nella nostra quotidianità. I dati in Italia sono infatti impietosi, perché ogni anno quasi duecento donne vengono uccise: una ogni tre giorni.  

Molti sono gli interrogativi che sorgono, ma più di tutto si dovrebbe analizzare se si vuole seriamente comprendere il fenomeno, il ruolo della donna, i mezzi di comunicazione di massa e, non per ultimo, il ruolo dell’uomo di questa società. 

Non riesco a capire sinceramente a questi “uomini” (se si possono chiamare così) cosa passa per la testa; perché fare del male alle donne, non è che siamo diversi. 

Vorrei tanto vedere se la storia si rovesciasse, voglio vedere se siamo noi donne a fare del male ai maschi. Non penso che se ne stiano a mani incrociate. 

Cosa significa la parola femminicidio?

La parola femminicidio è un neologismo che identifica i casi di omicidio doloso in cui una donna viene uccisa per motivi basati sul genere. 

Esso costituisce dunque un sottoinsieme della totalità dei casi di omicidio aventi un individuo di sesso femminile come vittima.

 Il mio consiglio e cosa ne penso

Ci sono vari siti contro il femminicidio e sulla violenza sulle donne.  Un giorno qualsiasi andate su internat e cercate femminicidio, oppure violenza sulle donne, e guardate un paio di siti, leggetevi un paio di storie e se volete aiutate queste persone. Anche solo leggendo capiranno che siete vicine a loro. 

Io penso che la situazione sta diventando davvero brutta, peggiora sempre di più. 

Praticamente ogni giorno c’è sempre une notizia nuova, sempre peggiore, quasi sempre diversa.  Sempre più diabolica. 

E penso anche che se la situazione fosse al contrario (noi femmine che ammazziamo i maschi) sarebbe diverso, i provvedimenti li avrebbero presi da un pezzo. Mia mamma mi dice sempre non fare agli altri quello che non vuoi che sia fatto a te, e io penso che chi ha ucciso anche una sola donna non gli farebbe piacere se le cose che le ha fatto fossero state fatte a lui.

femmincidio violenza sulle donne

Fermiamo il Femminicidio!

E gli altri cosa ne pensano? 

Ho voluto documentarmi meglio su quello che la gente intorno a me pensa del femminicidio, così a casa e a scuola ho posto le seguenti domande:  

  1. Cosa pensi del femminicidio e della violenza sulle donne? 
  2. Che cosa faresti per fermarlo? 
  3. Cosa pensi delle persone che uccidono le queste donne? 
  4. Avresti un messaggio da dare a qualche parente che ha perso qualcuno per questo fatto? 

Ecco le risposte che mi hanno colpito di più. Ho notato che le persone che sono colpite in prima persona da questo argomento hanno preferito non rispondermi.  

Prof.essa Penna 

Sono gesti molto violenti che vanno condannati e purtroppo sono sempre più frequenti, credo che lo stato dovrebbe stare più attento. Le persone che uccidono non sono delle vere persone, perché non ci si comporta in questo modo. Un messaggio per chi ha perso qualcuno è non lasciarsi sopraffare dalla rabbia. 

Un punto di vista maschile: il Prof. Giovanelli e il nostro bidello 

Entrambi credono che il femminicidio sia una cosa bruttissima, un’assurdità. Lo stato e le famiglie dovrebbero dare delle leggi più istruttive, educando le persone al rispetto. Anche loro credono che le persone che uccidono sono malate, non hanno un senso di vita, che qualcosa in loro non ha funzionato.

Precisamente non saprei cosa dire ai familiari delle vittime, ma sicuramente di fare attenzione, evitarlo e ricordarsi che non tutti gli uomini sono così”  

Mia sorella Gloria e il suo amico Hassen  

Secondo lei in questi tempi non si ragiona più e che per un uomo uccidere una donna dovrebbe essere una cosa da non pensare neanche, oggi sembra quasi un diritto. Nessuno dovrebbe essere privato della vita, ben che meno una donna. Secondo lei bisognerebbe mettere la pena di morte per queste persone, dovrebbero essere curate, una persona che compie questi atti non è sano: pensano “c’è qualcosa che non funziona, allora l’ammazzo” come se fosse normale. A chi ha subito violenze dice di non avere paura di parlare e difendersi. 

stop alla violenza sulle donne

Stop Violence!

Hassen invece pensa che non sia una bella cosa, ad ogni persona che compie questo fatto bisognerebbe mettere la pena di morte, almeno si intimoriscono e ci pensano due volte. Secondo lui non sono persone e neanche animali ed andrebbero sbattuti in cella a pane e acqua per tutta la vita, non hanno né una testa né un cervello. Alle vittime Hassen dice: “vai avanti che la ruota gira per tutti e sii forte!” 

Mamma Guendalina e Nonna Nevia 

Mia mamma pensa che ogni donna debole o forte che sia non si meriti una cosa di questo genere, soprattutto da persone che dicevano di amarle, lo stato dovrebbe trovare una punizione adeguata per punire queste persone. Sono persone che hanno problemi esistenziali, in quel momento non ragionano e non accettano di essere lasciati dalla propria donna. 

Nonna invece crede che in questi ultimi anni il femminicidio si sia diffuso troppo perché non si riesce più a sopportare niente e soprattutto gli uomini diventano sempre più aggressivi nei confronti delle loro compagne.

Quando le donne denunciano i primi maltrattamenti le forze dell’ordine dovrebbero prendere la cosa seriamente nei confronti degli uomini che maltrattano. Alle persone che compiono questi atti la testa non gli funziona più e non capiscono quello che stanno facendo, quando due si separano ognuno prende la sua strada, purtroppo ultimamente questi uomini assassini non la pensano così.  Fortunatamente tra i miei famigliari non c’è nessuno che ha questi problemi.  

Nadia Lodetti 
II^C

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 10 =