Scegliere la scuola superiore dopo le medie: la mia esperienza

scelta scuola superiore“Segui te stesso”: se hai 13 anni e ti sei già sentito dire questa frase, allora ti trovi nella pagina giusta.

Scegliere in quale scuola superiore andare non è poi così facile e immediato.

Se ti ritrovi con qualche materia in cui vai male, concentrati su ciò che vuoi davvero e continua a leggere. Se sei un asso in tutte le materie allora nessun problema, hai una vasta scelta di scuole alle quali puoi scegliere di andare.

Ma come si organizza una scuola superiore?

Dal 2010 la scuola superiore è organizzata in questo modo:

  • sei licei  – Classico, Scientifico, Artistico, Linguistico, Scienze umane, Musicale e coreutico –
  • istituti tecnici, suddivisi in 2 settori con 11 indirizzi diversi
  1. Settore economico  – Amministrazione, finanza e marketingTurismo –
  2. Settore tecnologico – Meccanica, meccatronica (unione di meccanica ed elettronica) ed energia, Trasporti e logistica, Elettronica ed elettrotecnica, Informatica e telecomunicazioni, Grafica e comunicazioneChimica, materiali e biotecnologie, Sistema moda, Agraria, agroalimentare e agroindustria, Costruzioni, ambiente e territorio –
  • istituti professionali suddivisi in 2 settori con 6 indirizzi.
  1. Settore servizi – per l’enogastronomia e l’ospitalità, socio-sanitario, Commerciale, Per l’agricoltura e lo sviluppo rurale –
  2. Settore industriale e artigianale – Produzioni industriali e artigianali, Manutenzione e assistenza tecnica –

scegliere la scuola superioreEd ecco la fatidica domanda: come capisco per cosa sono portato?

Innanzitutto devi capire se vuoi scegliere un liceo, un istituto tecnico o un istituto professionale: inizia a eliminare le scuole a cui non sei proprio interessato, restringendo il campo.

Fai una ricerca sulle materie delle scuole da cui sei attirato, continuando ad escludere quelle che propongono troppe materie che non ti piacciono o per le quali non ti senti particolarmente portato.

“Preferisco arte o matematica?”, “Ho intenzione di proseguire gli studi all’università?”: poniti domande di questo genere. Informati con gli adulti, se conoscono certe scuole che ti incuriosiscono, ed esegui ulteriori ricerche. Vai a più open-day possibili  per chiarirti le idee.

NON scegliere una scuola solo perchè ci va un amico, sarai tu a doverla concludere e andare avanti con le basi fornite da essa

NON seguire per forza le orme di fratelli più grandi, ciascuno di noi è diverso, perciò la scuola che va bene per uno non è detto che funzioni per un altro

NON farti condizionare dal giudizio degli altri, la vita è tua

La mia esperienza

Io, Elisa Battaglia, di classe III C nella scuola media di Fenegrò (CO), ho già compiuto diverse riflessioni riguardo all’indirizzo di scuola secondaria che voglio intraprendere: si tratta di un istituto tecnico, in particolare l’indirizzo di Grafica e comunicazione a Tradate (VA).

Perchè proprio questa scuola?

Parto dal fatto che sono sempre andata molto bene a scuola, quindi ho avuto una vastissima scelta. La prima scuola che ho escluso è stata sicuramente il liceo, per il semplice motivo che non sono sicura di voler continuare gli studi all’università alla fine dei 5 anni e, in secondo luogo, l’istituto tecnico esaudiva maggiormente e in modo più completo il mio desiderio di rimanere sul campo della grafica.

Non sarò l’unica ad andare in questo istituto, ma sono soddisfatta della mia scelta, perchè oltre ad essere una scuola che sono sicura mi piaccia, non ho scelto in base ad amicizie o cose del genere.

scelta scuola superioreConoscendomi, mi era sembrato surreale riuscire a immaginarmi ciò che avrei dovuto fare per 5 anni e, di conseguenza, per tutta la vita. Eppure mi sono ricreduta.

Sono riuscita, grazie a molte persone – i miei genitori, diversi colleghi di mia madre che hanno intrapreso la medesima scuola alla quale ho intenzione di andare, zii che conoscono quella scuola, amici dei miei genitori i cui figli la frequentano, i consigli dei professori etc. -, a trovare ciò che fa per me.

La grafica pubblicitaria ha iniziato a interessarmi quando l’abbiamo studiata a scuola, nelle ore di arte. Molti si annoiavano durante quella lezione, ma io ero davvero interessata e curiosa. Tornata a casa ho subito svolto varie ricerche e ho trovato molte cose a riguardo.

A questa età, ovvero 13 anni, non è semplice immaginarsi un futuro, che poi tanto futuro non è, dato che tra gennaio e febbraio 2017 bisognerà effetture l’iscrizione.

Sono sicura di aver scelto correttamente, in base ai vari criteri che ho valutato; se anche non si dimostrerà l’indirizzo adatto a me, se me ne accorgerò entro il biennio – comune a tutti gli istituti tecnici -, avrò comunque la possibilità di cambiare.

Elisa Battaglia

IIIC

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

6 Responses to Scegliere la scuola superiore dopo le medie: la mia esperienza

  1. Mariangela 29 December 2016 at 13:14

    Brava Elisa, è un bellissimo primo articolo 🙂

    Reply
  2. Pingback: Il Referendum Costituzionale 2016 dal punto di vista degli adolescenti | Giornalismo a Scuola

  3. Pingback: Messina: ragazza bruciata viva per aver lasciato il fidanzato, lo difende | Giornalismo a Scuola

  4. Pingback: Meningite, due casi a Legnano: non è allarme epidemia | Giornalismo a Scuola

  5. Pingback: Svizzera: a scuola le ragazze obbligate a nuotare con i maschi | Giornalismo a Scuola

  6. Pingback: Su bullismo e cyberbullismo: riflessioni di una adolescente | Giornalismo a Scuola

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × five =